Recupero materiale da demolizione

La nostra azienda lavora da quarant’anni nel territorio di Bologna e Provincia nell’ambito delle costruzioni stradali, opere di urbanizzazione, edilizia civile ed industriale, in esecuzione di appalti pubblici e privati.

Durante la realizzazione di tali lavorazioni, le maestranze riscontrano l’esigenza costante di smaltimento dei materiali inerti di risulta che spesso vengono conferiti a discarica pur essendo non pericolosi e pertanto riciclabili, in fasi produttive proprie dell’attività dell’impresa.

E’ con queste premesse ed a seguito di valutazioni di carattere pratico ed economico, che l’impresa RIAM s.r.l. ha presentato e ottenuto dal 2001 regolare autorizzazione a intraprendere attività di raccolta, differenziazione, messa a riserva e trattamento tecnologico di materiali inerti di recupero da lavorazioni edilizie in genere, al fine di reimpiegarli nei propri processi produttivi.

L’area adibita all’attività oggetto della presente autorizzazione, è situata in Comune di Argelato frazione di Funo Via F.lli Chiarini n° 4, censita al vigente catasto al foglio n° 37 mappale 601, individuata dal P.R.G. vigente quale “zona territoriale omogenea F - zona F 1 per servizi tecnologici”, e autorizzata urbanisticamente dal Comune di Argelato come “stazione ecologica per materiali inerti ”.

 

Operiamo secondo queste procedure:

  • 1. GESTIONE pratica ed amministrativa del materiale conferito e iter di lavorazione
    • Controllo del materiale prima del carico per accertare eventuali contaminazioni o presenza di sostanze/materiali tossici
    • Protocollo interno di entrata ed uscita rifiuti con individuazione della provenienza, peso e descrizione del  sottoprodotto o del rifiuto
    • Scarico e preselezione del sottoprodotto o del rifiuto, con individuazione, separazione e accatastamento in container, dei trovanti da raccolta differenziata e del materiale in attesa di lavorazione per tipologia di composizione (trovanti in calcestruzzo e macerie di muratura da demolire ulteriormente prima della macinatura o da separare dalle parti ferrose)
    • Macinazione con vagliatura del materiale lavorato e relativo accatastamento per tipologia nel deposito in attesa del riutilizzo
    • Smaltimento a discarica di ferro legno ecc.
    • Caricamento del prodotto macinato e vagliato per conferimento ai cantieri e riutilizzo

 

  • 2. PROVENIENZA autoproduzione - soggetti produttori - bacino di provenienza

Il materiale può affluire come sottoprodotto di demolizioni, scarifiche e risanamenti, oltre che dai nostri cantieri genericamente edili e stradali, anche da produttori terzi, munito di regolare formulario

Il conferimento all’area di messa a riserva è subordinato:

    • all’accettazione delle procedure interne di monitoraggio dei rifiuti conferiti, che prevedono verifica del materiale e della provenienza, peso, tipologia prevalente e registrazione di tutto ciò con protocollo d’ingresso nell’area di stoccaggio
    • alla capacità di raccolta dell’impianto al momento del conferimento

Il bacino di provenienza è prevalentemente riconducibile all’area Bologna Nord.

  

  • 3. SICUREZZA prevenzione, controllo igienico e protezione durante le varie fasi
    • le aree interessate sui cantieri di raccolta sono circoscritte e presidiate durante le operazioni dal nostro personale
    • l’attività di coordinamento e di aggiornamento del personale ai sensi dell’art. 7 del D. L. 626/94 viene svolta periodicamente recependo nuove informazioni e procedure per quanto riguarda l’area di messa a riserva del materiale conferito, o le modalità di accesso

  

  • 4. RISPETTO AMBIENTALE contenimento inquinamento acustico e ambientale rif. Art. 2 comma 2 del D.L. 22 del 15/02/97 

 

 Autorizzazione provinciale autorizzazione provinciale

 

 

 

Visita la nostra galleria fotografica